The Latest

Mother-Rythmcatalogo mostra
Jul 8, 2014

Mother-Rythm
catalogo mostra

THE LUNCH BOX, performanceFrancesca Fini & Anna Sottocorona Fini
"Performance per diventare grandi. Io e mia madre di Francesca Fini. Bellissima. Si diventa adulti solo quando si torna bambini"Alfredo Accatino
"Applausi e molto amore per Francesca Fini. Una performance splendida, ricca, potente, intima ma universale. Non mi capitava da tempo di vedere un lavoro cosí accurato e intenso al tempo stesso…Di rara bellezza si vive… Grazie!"Lidia Ravviso
"Una performance intensa, toccante"Francesco Natale
"Performance intensa, il pubblico emotivamente molto coinvolto. Bello esserci!"Isabella Cidonio
"Bellissima performance e grande Francesca Fini"Luna Todaro
"Straordinaria performance: cordone ombelicale, latte materno, conflitto, sovrapporsi d’identità. Bravissime entrambe e commoventi. Grazie per questa serata intensa"Maria Arcidiacono
"Toccante performance. Senza confini"Davide Cortese
Jul 6, 2014

THE LUNCH BOX, performance
Francesca Fini & Anna Sottocorona Fini

"Performance per diventare grandi. Io e mia madre di Francesca Fini. Bellissima. Si diventa adulti solo quando si torna bambini"
Alfredo Accatino

"Applausi e molto amore per Francesca Fini. Una performance splendida, ricca, potente, intima ma universale. Non mi capitava da tempo di vedere un lavoro cosí accurato e intenso al tempo stesso…Di rara bellezza si vive… Grazie!"
Lidia Ravviso

"Una performance intensa, toccante"
Francesco Natale

"Performance intensa, il pubblico emotivamente molto coinvolto. Bello esserci!"
Isabella Cidonio

"Bellissima performance e grande Francesca Fini"
Luna Todaro

"Straordinaria performance: cordone ombelicale, latte materno, conflitto, sovrapporsi d’identità. Bravissime entrambe e commoventi. Grazie per questa serata intensa"
Maria Arcidiacono

"Toccante performance. Senza confini"
Davide Cortese

L’artista ha concepito il progetto di questa mostra/evento come un cammino dentro e fuori se stessa, dove l’interrogarsi sulla madre reale - fatta di carne e ossa - utilizzando gli strumenti dell’arte, significa guardare quella interna - peraltro non meno reale - senza timore di destrutturarsi.Il percorso, profondamente performativo, si dipana dal video nella prima sala della galleria a partire dal simbolico pasto con le uova d’oro. Ogni tappa successiva serve a sviscerare una sorta di “tema del materno” enunciato nel video. Come l’installazione interattiva nel corridoio: strisce di carta bianca appese al soffitto con su scritti gli “incantesimi” trasmessi da madre in figlia. Nella sala grande numerose videoinstallazioni, oggetti performativi utilizzati nel video, come la macchina da scrivere con i chiodi al posto dei tasti, un pezzo di torta con l’immagine del sorriso materno, sbocconcellato e congelato su un piatto, la maschera utilizzata all’inizio della performance come in un rituale psicomagico. Ogni oggetto riverbera vissuti personali, ma al tempo stesso, immagini archetipiche interiori legate al doppio, al femminile dell’inconscio protettivo/divorante. Un viaggio verso la riconciliazione in cui l’artista guida il visitatore, attraverso video, manufatti, reperti performativi e installazioni.
Lori Adragna
Jul 6, 2014

L’artista ha concepito il progetto di questa mostra/evento come un cammino dentro e fuori se stessa, dove l’interrogarsi sulla madre reale - fatta di carne e ossa - utilizzando gli strumenti dell’arte, significa guardare quella interna - peraltro non meno reale - senza timore di destrutturarsi.
Il percorso, profondamente performativo, si dipana dal video nella prima sala della galleria a partire dal simbolico pasto con le uova d’oro. Ogni tappa successiva serve a sviscerare una sorta di “tema del materno” enunciato nel video. Come l’installazione interattiva nel corridoio: strisce di carta bianca appese al soffitto con su scritti gli “incantesimi” trasmessi da madre in figlia. Nella sala grande numerose videoinstallazioni, oggetti performativi utilizzati nel video, come la macchina da scrivere con i chiodi al posto dei tasti, un pezzo di torta con l’immagine del sorriso materno, sbocconcellato e congelato su un piatto, la maschera utilizzata all’inizio della performance come in un rituale psicomagico. Ogni oggetto riverbera vissuti personali, ma al tempo stesso, immagini archetipiche interiori legate al doppio, al femminile dell’inconscio protettivo/divorante. 
Un viaggio verso la riconciliazione in cui l’artista guida il visitatore, attraverso video, manufatti, reperti performativi e installazioni.

Lori Adragna

"DO NOT EAT"Installazione / installationph Jurek Kralkowskidiscover here: http://mother-rythm.tumblr.com/installazioni
Jul 2, 2014 / 3 notes

"DO NOT EAT"
Installazione / installation
ph Jurek Kralkowski
discover here: http://mother-rythm.tumblr.com/installazioni

Lunch-box, performancediscover here: http://mother-rythm.tumblr.com/performance
Jul 1, 2014

Lunch-box, performance
discover here: http://mother-rythm.tumblr.com/performance

The time capsule - discover here: http://mother-rythm.tumblr.com/timecapsule
Jul 1, 2014

The time capsule - discover here: http://mother-rythm.tumblr.com/timecapsule

Jun 29, 2014
27 giugno 2014, la mostra performativa Mother-Rythm alla Mondrian Suite di Roma.Installazione Non Mangiare, 2014.Stampa fotografica su pasta di zucchero, pan di spagna, resina, videoFoto di Alfredo Accatino.
June 27, 2014, the performative exhibition Mother-Rythm at the Mondrian Suite in Rome. Do not eat, installation, 2014. Photographic print on sugar, sponge cake, resin, video. Photo by Alfredo Accatino.
Jun 29, 2014

27 giugno 2014, la mostra performativa Mother-Rythm alla Mondrian Suite di Roma.
Installazione Non Mangiare, 2014.
Stampa fotografica su pasta di zucchero, pan di spagna, resina, video
Foto di Alfredo Accatino.

June 27, 2014, the performative exhibition Mother-Rythm at the Mondrian Suite in Rome. 
Do not eat, installation, 2014. 
Photographic print on sugar, sponge cake, resin, video. 
Photo by Alfredo Accatino.

Jun 29, 2014

27 giugno 2014, la mostra performativa Mother-Rythm alla Mondrian Suite di Roma. Foto di Enrico Cocuccioni.

June 27, 2014, the performative exhibition Mother-Rythm at the Mondrian Suite in Rome. Photo by Henry Cocuccioni.

Jun 11, 2014